STATUTI - VST

Vai ai contenuti

Menu principale:

STATUTI

ASTP



STATUTI

DELL’ASSOCIAZIONE SVIZZERA
DEI TATUATORI PROFESSIONISTI
ASTP

I. Personalità, sede e scopo
Art. 1.
1. L’Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti LSTP (abbreviato in seguito in ASTP) è un’associazione ai sensi dell’Art. 60 seg. del Codice Civile Svizzero. La sua durata è illimitata.
2. L’ASTP viene rappresentata dalle sezioni delle regioni linguistiche diverse della Svizzera
3. La sede principale dell’associazione è all’indirizzo del suo Presidente, o in un luogo specifico concordato dall’Assemblea dei soci.

Art. 2.
L’Associazione ha come scopo:
1. L’unione di persone che svolgono la professione del tatuatore, le quali sono specializzate ed esercitano la loro professione in Svizzera.
2. La tutela e la promozione della professione del tatuatore.
3. La tutela dei titoli.
4. Il rispetto di norme unificate per l’esercizio della professione.
5. L’incoraggiamento dei membri nella crescita professionale.
6. L’attenzione allo spirito di gruppo fra i membri.

II. Principi
Art. 3.
I membri dell’Associazione si impegnano:

1. A rispettare gli statuti dell’ASTP.
2. A operare nel rispetto del diploma corporativo/della legge dell’onore dell’ASTP.
3. A rispettare le direttive dell’ASTP.
4. A fare riferimento alle normative generali per una corretta pratica operativa di tatuaggi, make-up permanente, piercing e altri metodi analoghi dell’Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) e al regolamento complementare d’igiene dell’ASTP.

III. Sezioni
Art. 4.
L’Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti ASTP può fondare con un decreto dell’Assemblea Generale sezioni nelle diverse regioni linguistiche. Le disposizioni regolamentari delle sezioni vengono elencate nell’allegato 2:  Disposizione regolamentare Sezioni ASTP
IV. Appartenenza

Art. 5.
1. L’Associazione è costituita da membri attivi, candidati, membri passivi e membri onorari.
2. L’Associazione riconosce i seguenti membri attivi:
a. Membro attivo: Tatuatore senza impresa
b. Membro attivo: Tatuatore con una o parecchie imprese
c. Membro attivo: Titolari i quali non tatuano essi stessi
d. Membro attivo: Consiglio d’Amministrazione
e. Membro onorare
f. Membro candidato: Tatuatore
g. Membro passivo

I modi e le condizioni delle appartenenze singole vengono regolate ed elencate sotto Allegato 1 (Modi delle appartenenze) di questi statuti.

Art. 6.
I membri sono responsabili, affinché i partner e i dipendenti del loro studio, che non sono membri dell’ASTP, siano a conoscenza delle disposizioni interne all’Associazione. In caso di inottemperanza ne rispondono all’Associazione.

Art. 7.
1. L’ammissione di membri viene decisa dal Consiglio d’Amministrazione dopo un controllo da parte dell’ ombudsperson responsabile.
2. Il Consiglio d’Amministrazione può respingere richieste di ammissione di candidati non idonei.
3. I nomi e gli indirizzi dei membri ammessi devono essere pubblicati nell’organo dell’Associazione. Se entro 30 giorni dalla pubblicazione, da parte dei membri non arrivano ricorsi motivati per iscritto riguardo le ammissioni richieste, esse sono da considerarsi accolte.
4. Riguardo ai ricorsi dei membri verso le ammissioni richieste decide definitivamente l’Assemblea Generale.
5. Gli organi dell’ASTP non sono obbligati a rendere noti al richiedente i motivi del rifiuto della richiesta.
6. Chi non possiede più i requisiti necessari all’ammissione, perde il diritto di far parte dell’Associazione.
7. La nomina di un membro onorario viene decisa dall’Assemblea Generale. Ogni membro ha il diritto di proporre una persona come membro onorario rifacendosi a particolari meriti di tale persona. La nomina può avvenire solo se la persona indicata si dichiara consenziente.

Art. 8.
Solo i membri attivi hanno il diritto di dichiararsi pubblicamente membri dell’Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti e di utilizzarne logo e nome ai fini pubblicitari.

Art. 9.
Il ritiro dall’Associazione può avvenire con un preavviso di tre mesi al termine di un anno finanziario.

Art. 10.

1. Il Consiglio d’Amministrazione può escludere un membro dall’Associazione, se lo si ritiene indegno di farne parte.
2. I motivi dell’espulsione possono essere i seguenti:
a. Mancanze verso le decisioni di questi statuti, del regolamento d’igiene e di decisioni interne all’Associazione.
b. Mancato pagamento delle quote dopo due solleciti scritti.
c. Perdita e/o mancata estensione della HQ-Label se si opera in uno studio proprio o parecchi.
3. Un membro escluso può fare ricorso all’Assemblea Generale entro 30 giorni dalla notifica.


V. Organi
Art. 11.
Gli organi dell’Associazione sono l’Assemblea Generale, il Consiglio d’Amministrazione e i Revisori dei Conti.


A. Assemblea Generale
Art. 12.
1. Ogni anno vi è un’Assemblea Generale. Di regola, deve essere indetta entro tre mesi dalla chiusura dell’anno finanziario. Luogo e data devono essere comunicati ai membri almeno con due mesi d’anticipo negli organi dell’Associazione.
2. L’invito all’Assemblea Generale deve avvenire almeno due mesi prima, indicando gli argomenti da trattare.
3. Le mozioni addotte non presentate all’Assemblea Generale e nell’invito possono venire prese in esame dal Consiglio d’Amministrazione.

Art. 13.
Le Assemblee Generali Straordinarie devono essere convocate, se il Consiglio d’Amministrazione lo ritiene necessario e se i Revisori dei Conti o il 50% dei membri aventi diritto di voto lo richiedono. Gli inviti devono essere pubblicati entro due mesi dall’istanza e almeno due settimane prima dell’Assemblea.

Art. 14.
Sono di competenza dell’Assemblea Generale:

1. Le modifiche agli statuti
2. La scelta o la rimozione del Consiglio d’Amministrazione e dei suoi Presidenti e Revisori dei Conti.
3. La scelta della Sede Associativa;
4. Il consenso alla fondazione delle sezioni.
5. L’esame del rapporto annuale, del conto annuale, l’approvazione del Consiglio d’Amministrazione e la redazione finale sull’utilizzo delle eccedenze e delle riserve.
6. L’approvazione del preventivo, la determinazione delle quote associative dei membri e la tassa d’iscrizione dei nuovi soci.
7. La scelta riguardo al ricorso con l’esclusione di membri secondo l’Art. 7 cifr. 6 di questi statuti.
8. La scelta riguardo ulteriori istanze del Consiglio d’Amministrazione o di singoli membri. Tali istanze di singoli membri devono venire inoltrate al più tardi quattro mesi prima dell’Assemblea Generale.
9. Lo scioglimento dell’Associazione.

Art. 15.
1. Ogni Assemblea Generale convocata secondo lo statuto è atta a deliberare sull’Art. 26.
2. L’Assemblea Generale delibera a maggioranza semplice dei votanti. Al Presidente spetta il ballottaggio in caso di parità.
3. In caso di votazioni, nella prima votazione decide la maggioranza assoluta, nella seconda quella relativa. In caso di parità si tira a sorte.
4. Per le modifiche agli statuti è necessario l’assenso dei quattro quinti dei aventi diritto di voto presenti e la totale dei loro voti.
5. Le votazioni e le elezioni sono aperte, a meno che almeno i tre quarti dei membri presenti o del Consiglio d’Amministrazione non richiedano il voto segreto.

B. Consiglio d’Amministrazione
Art. 16.
1. Il Consiglio d’Amministrazione rappresenta l’associazione all’esterno.
2. Il Consiglio d’Amministrazione è composto da almeno cinque membri, dei quali almeno due devono essere membri attivi; dal Presidente, da un Cassiere e da tre membri.
3. La durata della carica dei membri del Consiglio d’Amministrazione è di tre anni. Se uno dei membri si ritira prima della scadenza, al suo posto entra un nuovo membro scelto. È ammesso il diritto alla rielezione.


Art. 17.
1. Tra i poteri del Consiglio d’Amministrazione sono inclusi tutti gli affari, che non sono riservati dagli statuti dell’Assemblea Generale.
2. Il Consiglio d’Amministrazione decide riguardo all’ammissione e all’esclusione dei membri, quest’ultima con riserva di ricorso all’Assemblea Generale.
3. Al Consiglio d’Amministrazione spetta in particolare l’amministrazione dell’ASTP, la preparazione dell’Assemblea Generale e l’attuazione delle sue decisioni, a meno che non deleghi questi compiti a terzi.
4. La scelta di un ombudsperson neutrale
5. La fondazione delle instituzioni ed opere o le partecipazioni ad esse nell’ambito dell’intenzione dell’associazione.
6. Il Consiglio d’Amministrazione è atto a deliberare se è presente la maggioranza dei suoi membri.
7. Il Consiglio d’Amministrazione decide con la maggioranza semplice dei votanti. In caso di parità al Presidente spetta il ballottaggio.
8. Il Consiglio d’Amministrazione designa le persone autorizzate alla firma e le modalità dell’autorizzazione.
9. All’esterno, il Consiglio d’Amministrazione è rappresentato dal suo Presidente. In qualità di Presidente egli è anche responsabile dell’adempimento dei compiti del Consiglio d’Amministrazione.

Art. 18.
Le sessioni del Consiglio d’Amministrazione sono documentate in protocolli sottoscritti dal Segretario e dal Presidente, o da un consigliere in caso di loro impedimento.

Art. 19.
I membri del Consiglio d’Amministrazione hanno diritto ad un importo di indennizzo per ogni seduta alla quale hanno partecipato. La quota di questo importo di indennizzo verrà fissata alla domanda del Consiglio d’Amministrazione fatta alla Assemblea Generale. Per eventuali spese, derivate dall’esercizio della loro attività nell’ambito dell’Associazione, verrà loro assegnato nell’ambito dell’Assemblea Generale un budget in base al preventivo per l’anno finanziario a venire.

Art. 20.
Il Segretariato dell’Associazione dipende dal Presidente.

C. Revisori dei Conti
Art. 21.
1. L’Assemblea Generale sceglie per tre anni due Revisori dei Conti ed un sostituto.
2. Ai Revisori dei Conti spetta l’esame del conto annuale. Essi presentano all’Assemblea Generale un rapporto scritto.

D. Posizione dell’ombudsperson
Art. 22.
1. All’ ombudsperson spetta l’approvazione e il rispetto del regolamento d’igiene. Una volta l’anno deve informare per iscritto il Consiglio d’Amministrazione su ogni membro. Il regolamento per l’ombudsperson è rimesso al Consiglio d’Amministrazione.
2. L’ombudsperson realizza una perizia scritta per il Consiglio d’Amministrazione riguardante l’ammissione dei membri.

VI. Lato finanziario
Art. 23.
1. Le entrate dell’Associazione sono costituite da:
a. Quote associative dei membri e tassa d’iscrizione dei nuovi soci.
b. Altre eccedenze da pubblicazioni, rappresentazioni, quotazioni di denaro e da particolari affari dell’Associazione
c. Donazioni e sovvenzioni.
2. Le quote associative vengono richieste dalla segreteria all’inizio dell’anno di calendario e possono essere corrisposte al più tardi entro la data dell’ Assemblea Generale Ordinaria dell’anno fiscale corrente.
3. I membri nuovi subentrati nella prima metà dell’anno finanziario pagheranno l’intero importo, i membri invece subentrati nella seconda metà dell’anno finanziario pagheranno solo il 50% dell’importo previsto.
4. L’obbligo contributivo dei membri dimissionari ed esclusi rimane fino al termine dell’anno finanziario.
5. L’anno finanziario viene conteggiato dal 1 gennaio fino al 31 dicembre dell’anno in corso.

Art. 24.
1. I membri dell’Associazione non rispondono per gli obblighi dell’Associazione sul loro obbligo contributivo statutario.
2. I membri dimissionari o esclusi non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’Associazione.

Art. 25.
Per ogni anno finanziario viene stillato un preventivo che deve essere allegato al conto annuale dell’invito all’Assemblea Generale.

VI. Scioglimento
Art. 26.
a. Per lo scioglimento dell’Associazione è necessario l’accordo dei quattro quinti di un’Assemblea Generale convocata secondo lo statuto, nella quale sono presenti per lo meno quattro quinti dei membri con diritto di voto.
b. In caso di scioglimento dell’Associazione, il patrimonio disponibile deve essere diviso fra tutti i membri, salvo che l’Assemblea Deliberante non decida per un diverso utilizzo della liquidazione.

VIII. Disposizioni finali
Art. 27.
1. I rapporti tra i membri e l’associazione, se non diversamente regolati dai suddetti statuti, sono soggetti alle disposizioni del Codice Civile Svizzero (CC).
2. La denominazione di associazione, utilizzata negli statuti, è valida sia per il ASTP sia per la congregazione. Si utilizza la forma maschile esclusivamente per semplificare la lettura.
3. La stessa sede dell’associazione è il foro competente per ogni controversia legale con l’associazione.
4. Si applica esclusivamente il diritto svizzero.
5. I primi statuti sono stati approvati durante l’Assemblea Associativa del 18 aprile 1994. Essi sono stati successivamente sottoposti a revisione durante le Assemblee Associative del 6 giugno 1998, 15 aprile 2000, 21 aprile 2001, 27 aprile     2002, 26 aprile 2003, 23 aprile 2005, 14 aprile 2007, 19 aprile 2008, 18 aprile 2009 e del 16 aprile 2011.
6. Gli statuti attuali sono stati approvati e sono entrati in vigore durante l’Assemblea Associativa del 18 aprile del 2009. Tali statuti sostituiscono quelli precedenti.
7. Le modifiche agli statuti relative al nome dell’Associazione sono state approvate e sono entrate in vigore durante l’Assemblea Associativa del 16 aprile 2011. Tali statuti sostituiscono quelli precedenti.
8. Gli statuti attuali e le modifiche in essi contenute sono stati approvati e sono entrati in vigore durante l’Assemblea Associativa del 16 marzo 2013. Tali statuti sostituiscono quelli precedenti.
9. Le modifiche agli statuti relative al nome dell’Associazione sono state approvate e sono entrate in vigore durante l’Assemblea Associativa del 16 aprile 2016. Tali statuti sostituiscono quelli precedenti.
10. Gli statuti attuali e le modifiche in essi contenute sono stati presentati ai membri  e approvati e sono entrati in vigore durante l’Assemblea Associativa del 22 aprile 2017. Tali statuti sostituiscono quelli precedenti.

Oberentfelden, 22 aprile 2017


Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti



                             Il Presidente:                     Il Vicepresidente:





                        Luc Grossenbacher                    Guido Varesi


Allegato I
Conc. L’art. 5.2 dei statuti dell’Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti ASTP, aprile 2017
Modi di appartenenza

L’associazione conosce le appartenenze attive come segue:

a) Membro attivo: Tatuatore senza impresa
(Freelancer, lavorando indipendente su una base provvigione o impiegato in un’impresa)
Ognuno puo diventare membro, il quale guadagna la sua vita solamente con il tattuare ed è registrato alle autorità cantonali. Il requisito minimo deve essere adempiato ed un certificato del corso sull’igiene dell’ASTP comprensivo di corso di Pronto Soccorso specifico per la professione a partire dal 2007 deve essere presentato. Deve confirmare con la sua firma che l’adempimento delle Linee Guida Comuni * come pure il regolamento complementare d’igiene dell’ASTP siano garantiti.

b) Membro attivo: Tatuatore con un‘impresa o parecchie
(come impresa vengono considerate anche i studi arredati in casa e che corrispondono alle norme)
Ognuno può diventare membro, il quale guadagna la sua vita solamento con il tattuagio. Il quale è notificato al AVS o la sua impresa è registrata alle autorità cantonali. Il requisito minimo deve essere adempiato ed un certificato del corso sull’igiene dell’ASTP comprensivo di corso di Pronto Soccorso specifico per la professione a partire dal 2007 deve essere presentato. Un controllo d’igiene deve essere effettuato annualmente da un’istanza di controllo indipendente, la quale è riconosciuta delle associazioni. La conferma di essa testimonia che il controllo ha superato l’esigenze d’igiene delle direttive. Deve confirmare con la sua firma che le Linee Guida Comuni per una buona pratica lavorativa nel campo dei tatuaggi, del make-up permanente, piercing e altri metodi analoghi dell’Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) e al regolamento complementare d’igiene del l’ASTP devono essere rispettate.
Se un tatuatore potrà presentare che ha già 5 anni di esperienza come tatuatore professionista indipendente, può al posto di un controllo d’igiene summenzionato farsi lasciare fare un controllo del marchio igienico Q-Label. Dopo di che riceverà il marchio “Hygiene Quality Label” il quale gli fa dimostrare in più che ha un’esperienza professionista come viene richiesta nelle direttive* sotto “le condizioni essenziali per un’attività indipendente”.
Se un tatuatore ha parecchie imprese allora valgono per le altre imprese, nelle quali lui non lavora di persona, le stesse condizioni come sotto membro attivo: Titolari che non lavorano essi stessi.

c) Membro attivo: Titolare che non tatua
(Titolari con un’impresa o parecchie ma non tatuano essi stessi)
Titolari che non tatuano essi stessi possono anche diventare membri. L’impresa deve essere registrata al AVS  e alle autorità cantonali. Il titolare o il suo manager deve presentare il certificato del corso sull’igiene dell’ASTP comprensivo di corso di Pronto Soccorso specifico per la professione a partire dal 2007. Garantisce che il tatuatore che lavoro da lui adempia il requisito minimo della qualità del lavoro. Ogni anno un controllo d’igiene deve essere effettuato da un’istanza di controllo indipendente, la quale è riconosciuta delle associazioni. Questo certificato di controllo superato deve attestare che le essigenza d’igiene hanno adempiato le direttive.
Il titolare deve confirmare con la sua firma che l’adempimento delle Linee Guida Comuni * come pure il regolamento complementare d’igiene dell’ASTP siano garantiti.
Se un titolare possiede parrechie imprese allora ogni impresa deve essere registrata alle autorità cantonali e un controllo d’igiene positivo deve essere presentato. Il manager, che momentaneamente  è responsabile, deve presentare un certificato del corso sull’igiene dell’ASTP comprensivo di corso di Pronto Soccorso specifico per la professione a partire dal 2007. Durante un cambiamento del manager la prova deve essere fornita che il successore può anche presentare i documenti necessari. Un cambiamento di un manager deve essere communicato all’ASTP.
Se un manager è tatuatore egli stesso e che può presentare che ha già 5 anni d’esperienza professionale indipendente può al posto di un controllo d’igiene summenzionato farsi lasciare fare un controllo del marchio igienico Q-Label. Dopo di che riceverà il marchio “Hygiene Quality Label” il quale gli fa dimostrare in più che ha un’esperienza professionista come viene richiesta nelle direttive* sotto “le condizioni essenziali per un’attività indipendente”.
Se un manager lascia quest’impresa  scade immediadamente la validità del marchio igienico HQ-Label. Il titolare o il nuovo manager deve fare una nuova richiesta e fornire in seguito i documenti necessari.

d) Membro attivo: Consiglio d’Amministrazione
(Persone che non hanno un riferimento diretto al tatuaggio, ma vengono specialmente elette dall’Assemblea Generale)
Tatuatori non professionisti possono diventare membro attivo Consiglio d’Amministrazione, che hanno un interesse al suddetto ordine professionale e contemporaneamente sono stati eletti nel Consiglio d’Amministrazione. L’appartenenza attiva finisce al momento dell’uscita dal Consiglio d’Amministrazione. Dopo di che hanno la possibilità di diventare membro passivo o membro onorare.

e) Membri onorari
(Devono essere proposte da un membro dell’associazione e sono pronti ad accettare l’appartenenza onorare)
Come membri onorari sono ammesse le persone, chi con il titolo onorefico e  in considerazione dei loro servizi per il tatuaggio sono stati eletti dall’Assemblea Generale. I membri onorari non versano una quota sociale e hanno diritto di voto.

f) Membro candidato: Tatuatore
Ognuno puo diventare membro se è registrato comme tatuatore indipendente o no. Anche le persone, le quali tatuano solo come attività collaterale e non adempiano le esigenze per un’appartenenza attiva. Tuttavia deve essere notificato come tatuatore in una autorità catonale. Deve confirmare con la sua firma che l’adempimento delle Linee Guida Comuni * come pure il regolamento complementare d’igiene dell’ASTP siano garantiti. La candidatura è limitata a tre anni. Dopo di che le condizioni dovrebbero essere adempiate per essere ammesso ad una appartenenza attiva. Se un’ammissione non è possibile, la candidatura scade.
I membri candidati versano una quota sociale ridotta. Possono partecipare all’Assemblea Generale, non hano diritto di voto e non possono essere eletti nel Consiglio d’Amministrazione.

g) Membro passivo
Ognuno può diventare membro passivo che può dimostrare che ha un interesse al ordine professionale del tatuatore e vuole favorire all’attività dell’ASTP. Supplier, dermatologi, dottori, fornitori per beni di consumo, eventmanager, etc. sono membri passivi. Versano una quota sociale del 50 % dei membri attivi (Tatuatori senza impresa), possono partecipare all’Assemblea Generale, non hanno diritto di voto e non possono essere eletti per il Consiglio d’Amministrazione.
*Le Linee Guida Comuni per una buona pratica lavorativa nel campo dei tatuaggi, del make-up permanente, piercing e altri metodi analoghi dell’Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP)
**Il HQ-Label può solamente essere richiesto dei titolari o managers. Una richiesta separata deve essere fatta per ogni impresa e per il suo risponsabile. Se il titolare vende la sua impresa o il manager lascia l’impresa la validità del marchio HQ-Label scade immediatamente. La nuova persona deve fare una nuova richiesta.


Diritto di voto all’Assemblea Generale :

Membro attivo: Tatuatore senza impresa 1 voto
Membro attivo: Tatuatore con impresa o parrecchie 1 voto, con HQ-Label 2 voti
Membro attivo: Titolari che non tatuano essi stessi 1 voto
Membro attivo: Solo Consiglio d’Amministrazione 1 voto
Membri onorari 1 voto
Membro candidato: Tatuatore con impresa o senza nessun voto
Membro passivo nessun voto
Allegato II
Conc. L’art. 4 dei statuti dell’Associazione Svizzera dei Tatuatori Professionisti ASTP, aprile 2017 Disposizione regolamentare Sezioni ASTP

1. L’Associazione può fondare parrecchie sezioni.
2. L’Assemblea Generale spetta il consenso alla fondazione delle sezioni.
3. Per un appartenenza in una sezione sono in vigore le stesse condizioni come sono elencate sotto ʺAllegato I dei statutiʺ.
4. Le sezioni vengono dirette da un membro del Consiglio d’Amministrazione della sezione.
5. Le sezioni organizzano delle reunioni proprie almeno una settimana prima della reunione del Consiglio d’Amministrazione ordinaria, alle quali vengongo trattati i punti dell’ordine del giorno (inviati del Consiglio d’Amministrazione ordinario). Le decisioni prese ed i risultati della votazione vengono rappresentate dal presidente della sezione alla reunione del Consiglio d’Amministrazione ordinaria.
6. Le sezioni organizzano un Assemblea Generale essi stessi una settimana prima della Assemblea Generale ordinaria, alla quale vengono trattati i punti dell’ordine del giorno (inviati del Consiglio d’Amministrazione ordinario). Les decisioni prese ed i risultati della votazione vengono reppresentate dal presidente della sezione all’Assemblea Generale ordinaria.
7. Le sezioni possono depositare dei punti dell’ordine del giorno per le reunioni del Consiglio d’Amministrazione ordinarie come pure per le assemblee generali ordinarie. Questi punti dell’ordine del giorno devono essere depositati una settimana prima della reunione del Consiglio d’Amministrazione e 5 settimane prima delle assemblee generali, in modo che questi punti correspondenti all’ordine del giorno possono essere inseriti.
8. I consigli d’amministrazione delle sezioni possono invitare i membri candidati della loro regione alla reunione del Consiglio d’Amministrazione. Possono ammettere provisoriamente membri per la loro sezione, se le condizioni per un modo d’appartenenza sono adempiate. Il presidente della sezione deve sottoporre la richiesta d’appartenenza al Consiglio d’Amministrazione ordinario. Un ammissione definitiva può solo entrare in vigore se il Consiglio d’Amministrazione ordinario accetta e tutti i membri delle sezioni non depositano un ricorso contro quest’ammissione entro i 30 giorni dopo aver inviato il verbale.
9. La stessa procedura è pure valida per le espulsioni dei membri di una sezione.
10. I candidati per la funzione del presidente del Consiglio d’Amministrazione vengono proposte dalle sezioni  rispettive. L’elezione e la conferma del presidente della sezione spetta alla reunione del Consiglio d’Amministrazione ordinario. Il presidente della sezione eletto verrà comunicato con il verbale.
11. Le condizioni essenziali per la funzione del presidente della sezione sono :
a)   Non solo padroneggia la sua lingua della sua sezione, ma deve anche esprimersi e leggere in
tedesco.
b) Deve lavorare come tatuatore professionista.
c) Avere la facoltà di dirigere una sezione.
d) Non può essere membro in un’altra associazione dei tatuatori.

 
Besucherzaehler
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu